Post di Viaggio

Il lago di Bled, wellness e romanticismo in Slovenia

C’è un’immagine che sicuramente chi ha visitato
la Slovenia non può dimenticare, un luogo perfetto, una cartolina che a seconda
delle stagioni cambia colore. E’ il lago di Bled: un piccolo lago circondato da
colline, un romantico isolotto con una piccola chiesetta proprio al centro e un
castello, che sorge su un promontorio a strapiombo sulle sue acque.
Noi ci
siamo stati in inverno quando le sue acque grigie e
tranquille mettono in risalto il bianco della neve.
Il lago di Bled ebbe origine dal ritiro del
ghiacciaio di Bohinj ed è alimentato da sorgenti, alcune termali calde, che ne
fanno un centro wellness tra i più apprezzati della Slovenia, già conosciuto al
tempo dell’Impero asburgico.
Il romantico lago di Bled

Per avere il più bel colpo d’occhio sul lago,
bisogna salire al Blejski Grad, il più antico castello della Slovenia, che lo
domina dall’alto di una rupe a più di cento metri di altezza. Risale al 1011,
ma fu ricostruito nel 1500 a seguito di un terremoto. Gli interni sono stati anch’essi
ricostruiti ed oggi ospitano un piccolo museo dove si racconta la storia di
Bled attraverso i reperti archeologici che vanno dall’età del bronzo al secolo
scorso.  Le mura spesse del castello racchiudono anche una galleria delle erbe,
una cantina e un ristorante panoramico. 
Blejski Grad, il Castello di Bled
Il lago di Bled è conosciuto anche per le sue leggende… sono ben due e hanno come protagonista l’isoletta al centro del lago che, pur piccolissima, è l’unica isola della Slovenia. Pare sia nata per una punizione divina, dovuta al disinteresse degli abitanti del luogo per la Cappella della Madonna, situata un tempo nei pascoli circostanti, che vennero allagati tanto da posizionarla in mezzo al lago. Oggi sull’isoletta si trova la Chiesa di Santa Maria Assunta, in stile gotico.  Una particolarità della chiesetta è la “campana dei desideri”, che un’altra leggenda del luogo attribuisce ad una ricca vedova abitante del castello che la fece fondere in ricordo del marito morto. Nel trasportarla sull’isola la barca si capovolse e ancora oggi pare qualcuno ne abbia udito il suono dal fondo del lago. Quella che esiste ancora oggi, dono papale all’inconsolabile vedova, pare possa realizzare i desideri di coloro che la suonano. 
Come arrivare sull’isoletta?  Salendo su una pletna, la tipica imbarcazione a remi dal tettuccio colorato. 
Isoletta al centro del lago di Bled con la Chiesa di Santa Maria Assunta
Passeggiando per il centro di Bled si incontra un’altra bella chiesa, la parrocchiale di San Martino, in stile neogotico, costruita nel 1905. 

Chiesa parrocchiale di S.Martino, Bled

Per rilassarsi dopo una
giornata trascorsa sul lago, e anche per riscaldarsi un po’ dal
freddo (noi abbiamo visitato Bled quando la temperatura era intorno a -10°)
consigliamo qualche ora alle terme. Le sorgenti termali vengono convogliate in tre
piscine, situate sulla sponda occidentale del lago. Noi abbiamo scelto lo Ziva Wellness Centre, Sava Hotels Resorts, accessibile anche per poche
ore a chi non è ospite dell’hotel. Saune, bagni con erbe aromatiche e fieno, massaggi… insomma benessere per il corpo e per lo spirito o semplicemente, se avete poco tempo, un po’ di relax in una delle piscine riscaldate a temperature che vanno dai 30° ai 36° (quelle più calde). 
Centro benessere Ziva, Bled – Piscine interne

La piccola piscina esterna in particolare offre una vista mozzafiato su Blejski Grad, arroccato sulla roccia a strapiombo sul lago. 

Centro benessere Ziva, Bled – piscina esterna

Blejski Grad visto dalle Terme Ziva

Il lago di Bled è un piccolo paradiso, un’ambientazione perfetta per un weekend romantico e rilassante ma anche un luogo dover poter praticare diverse attività sportive in ogni stagione: il vicino Parco Nazionale del Triglav offre itinerari per bellissime camminate e percorsi ciclistici mentre, in inverno, la stazione sciistica di Kranjska Gora è raggiungibile in soli 35 km.  

Per altre informazioni sulla Slovenia, leggi anche:
Lubjana, magiche atmosfere natalizie
Pirano, una stretta lingua di terra protesa verso il mare 

One Response

  1. Andrea Pizzato febbraio 13, 2016

Leave a Reply

Instagram