Post di Viaggio

Tempo di Carnevale: le migliori sfilate secondo Viaggi & Delizie

Siamo ormai in tempo di Carnevale, e anche noi di Viaggi & Delizie abbiamo i nostri carnevali preferiti. Ecco che vi suggeriamo dove trascorrere i prossimi w.e., nel nord Italia ma anche all’estero!



Menton

La “Festa del limone” è l’edizione del Carnevale a Menton, sulla Costa Azzurra in Francia. Tale “festa” è nata nel 1934 ed è alla sua 83ma edizione; ogni anno richiama migliaia di visitatori ed utilizza tonnellate di agrumi per la costruzione di carri allegorici, i quali sfilano sulla Promenade du Soleil preceduti da bande musicali e da gruppi folcloristici. Gli agrumi sono anche impiegati nella costruzione di sculture nei toni giallo/arancio e sistemate principalmente nei giardini della città.

Credits cannes-tendances.com

 

Carnevale di Cento

“Allacciate le cinture, si riparte!” era lo slogan del Carnevale 2015 di Cento, slogan che simboleggiava la ripartenza, dopo l’annullamento, un po’ inaspettato, dell’annoprecedente, a
causa dell’inagibilità degli hangar utilizzati per il parcheggio dei carri, danneggiati dal terremoto del 2012.

Molto amato dai bambini per i carri allegorici che animano le sfilate: il Carnevale ha origini seicentesche, ma è diventato famoso recentemente grazie al gemellaggio con il Carnevale di Rio de
Janeiro.

La prima domenica è gratuita, mentre se andate l’ultima domenica potrete assistere al rogo del grande pupazzo di cartapesta che raffigura “Tasi”, la maschera locale, oltre che alla premiazione
del carro vincitore, celebrata da uno spettacolo pirotecnico.

 

Credits ilcircolo.org

Carnevale di Venezia

Venezia è magica e senz’altro nelle settimane del Carnevale lo è ancora di più. Ogni angolo della città viene invaso da maschere colorate, dalle più semplici alle più eccentriche ed elaborate.
Chi visita Venezia in questo periodo non può far altro che farsi trascinare dall’atmosfera allegra e festosa. Un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Sul sito ufficiale del Carnevale di Venezia si possono trovare tutte le informazioni sugli eventi in programma, tra questi, una delle serate più esclusive è senz’altro “Il Ballo del Doge” a Palazzo Pisani Moretta.

 

Carnevale di Venezia

 

Carnevale di Ivrea

A gennaio si è aperto ufficialmente lo ”Storico Carnevale di Ivrea” con la presentazione del Generale. E’ questo un carnevale molto particolare, legato ad una rievocazione storica. La Mugnaia, che viene presentata a febbraio, rappresenta la ribellione contro il Marchese Ranieri di Briandante che, non contendo delle tasse eccessive riscosse, aveva imposto alle giovani spose lo jus primae noctis. A ricordare lo spirito di libertà e giustizia del popolo, si svolge così la battaglia delle arance: 9 squadre (Scacchi, Arduini, Picche, Morte, Tuchini, Diavoli, Mercenari, Pantere e Credendari) a piedi e 48 carri divisi tra pariglie e tiri a quattro, si affronteranno per le vie della città, fino a decretare il vincitore. La sera dell’ultimo giorno, a conclusione del Carnevale ci sarà ”l’abbruciamento dell’ultimo Scarlo” e poi tutti a mangiare polenta e merluzzo per il mercoledì delle ceneri.
E vinca il migliore!

Credits Andrea D.: in suo onore tiferò per gli Scacchi

 

 

Carnevale di Saluzzo (CN)

 
Da alcuni anni a Saluzzo, in provincia di Cuneo, il carnevale porta una ventata di novità.
Innanzi tutto i carri allegorici hanno una struttura totalmente diversa dal solito: non sono più costruiti con la classica cartapesta. Tutti i carri sono ricoperti di frutta che in questa zona è il prodotto di punta dell’economia.
Credits targatocn.it
E visto che su Viaggi & Delizie non si può trascurare l’argomento cibo…

Federica vi parla dei suoi dolci tipici di Carnevale preferiti

In Lombardia oltre alle classiche chiacchiere con zucchero a velo, fritte o al forno a seconda dei gusti, la nonna ogni anno friggeva decine di frittelle di mele e uva passa, i famosi carsensini o chisulin o ancora le “spugnette da tranviere” come preferiva chiamarle il nonno pasticcere. In tutti i panifici poi in questo periodo compaiono i miei preferiti: i turtei. Rigorosamente fritti e ripieni di marmellata, crema pasticcera o al cioccolato, sono veramente una botta di calorie ma come le ciliegie, uno tira l’altro!
Da quando sono diventata mezza piemontese però il mio cuore è diviso tra turtei e bugie ripiene che qui si trovano in una varità infinita di gusti, dalla nutella alle marmellate fatte in casa alle più delicate creme al limone e all’arancia. Purtroppo per me, qui in Piemonte, il primo giorno di quaresima non mette fine, come dalle mie parti, alla produzione di questi dolci che si trovano fino a primavera inoltrata!

I turtei della nonna

 

4 Comments

  1. roberta febbraio 7, 2015
    • Viaggi e Delizie febbraio 10, 2015
    • Anna Maria febbraio 17, 2015
    • Anna Maria febbraio 17, 2015

Leave a Reply

Instagram